Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2014 Domini Veneti

26,00 € tax incl.

New product

Risultati immagini per en primeurs 2014

En Primeurs sconto 20 %


consegne a partire dal 18/11/2018

More details

1200 Items

Degustato presso Ristorante al Fortino 25 10 2018
Denominazione DOCG
Annata 2014
Grado alcolico 15,5 %
Origine Veneto
Vitigno Corvina, Rondinella, Molinara
Affinamento Botte di legni diversi
Formato 0,750 L.
Temperatura di servizio 17°
Consumo ideale 5/20 ANNI
Il nostro Giudizio 93/100
Tecniche di coltivazione Tradizionale
Allergeni solforosa
Ingredienti Uva
Categoria Alimento Wein
Quantità volume 0,75 l
Conservazione In luogo fresco e umido
Produttore Domini Veneti
Categoria Rotwein
Gusto Secco

L’equilibrio tra Eleganza e Struttura

AMARONE DELLA VALPOLICELLA DOCG CLASSICO

L’Amarone della Valpolicella Docg Classico è il prodotto più conosciuto e rappresentativo della nostra filosofia aziendale, per l’equilibrio che esprime fra eleganza e struttura.

Ottenuto da uve provenienti dalla Valpolicella Classica, appassite in fruttaio, si affina in legno e poi in bottiglia. In cucina è tuo alleato in occasione di pranzi o cene a base di carne e formaggi stagionati.

LA STORIA DELL’AMARONE

L’Amarone è il celebre vino della Valpolicella, con alle spalle una dibattuta storia, tra leggenda e realtà, circa le sue vere origini.

 Una significativa testimonianza è giunta ad avvalorare la tesi secondo cui le prime bottiglie siano state prodotte verso la fine degli anni Trenta ad opera della Cantina Sociale Valpolicella Negrar, di cui Domìni Veneti è “brand figlio” dedicato alla produzione di vini veronesi pregiatissimi. Te la raccontiamo qui in breve.

 “Sta olta te l’è proprio indovinà!” (“Questa volta l’hai proprio indovinato!”) esclamò Gaetano Dall’Ora, uno dei fondatori della Cantina, al capo cantina Adelino Lucchese, dopo aver assaggiato il vino di una botte di Recioto, che era stata dimenticata e non travasata.

Entrambi si aspettavano di doverlo buttare, invece si trovarono di fronte a un vino, certo non più dolce, ma robusto e pieno.

 Fermentando completamente, gli zuccheri del tradizionale vino dolce veronese, il Recioto, si erano trasformati in alcool e il Recioto stesso era diventato un altro vino: un “amaro” potente, l’Amarone appunto!

 NEL NOME “AMARONE”: Il battesimo pare che sia stato ad opera di Gaetano Dall’Ora, all’epoca presidente della cooperativa sorta nel 1933. Gaetano portò il calice di questo sconosciuto vino al naso e subito dopo lo assaggiò. La scoperta fu sorprendente. Genialmente ispirato e inebriato da tanti profumi e sapori, il presidente esclamò: “Questo non è un amaro, è un amarone!”. Signore e Signori, diamo il benvenuto a un Re.

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Write a review

30 altri prodotti della stessa categoria: